Articolo in Rilievo

Terzo Compleanno Cral Acap, Melchiorri:”Esterno di centrocampo?Se c’è bisogno sono prontissimo…” Carini:”Che carattere a Bari!”

0
Terzo Compleanno Cral Acap, Melchiorri:”Esterno di centrocampo?Se c’è bisogno sono prontissimo…” Carini:”Che carattere a Bari!”

«Se la prende Melchiorri è gol». È un coro spontaneo quello lanciato dalla cinquantina di tifosi del club Cral Acap, che martedì sera ha festeggiato il terzo compleanno in un ristorante dell’Arcella. Ospiti d’onore il difensore biancoscudato Filippo Carini e proprio il centravanti Federico Melchiorri, che quasi arrossisce di fronte a tanto affetto. Sono lontani veleni e tensioni che stanno circondando la società, i tifosi hanno voglia di gol e l’hanno urlato a gran voce. «Ormai non segno da un mese e devo dire che mi manca tantissimo», ha confessato Melchiorri. «Spero di timbrare il cartellino già sabato contro il Crotone e ripagare la fiducia di questi tifosi che continuano a riempirmi d’affetto». La vera novità, però, è che Bortolo Mutti, dopo averlo inserito nella ripresa a Bari come esterno di centrocampo, lo sta provando insistentemente ancora in questo ruolo e contro i calabresi sembra destinato a giocare defilato. leggi tutto…

Euganeo, spettatori paganti in netto calo. L’analisi di Mattino e Gazzettino

1
Euganeo, spettatori paganti in netto calo. L’analisi di Mattino e Gazzettino

(Mattino di Padova, infografica Mattino di Padova) Ha sempre sviato il tema, elogiando ogni volta il tifo caloroso dell’Euganeo, ma sabato è rimasto parecchio deluso. Marcello Cestaro, per la prima volta da inizio stagione e forse anche dal ritorno in serie B, si è lamentato della scarsa affluenza allo stadio: «Mi piacerebbe vedere più spettatori», ha sospirato il patron, al termine della gara pareggiata con l’Ascoli. «Magari tanta gente era a fare acquisti, ma la presenza allo stadio è il termometro dell’amore verso una squadra, che stiamo costruendo prima di tutto per loro». Una statistica precisa al dettaglio delle presenze allo stadio non si avrà mai, visto che non sempre tutti gli abbonati sono sugli spalti ad ogni gara. Esempio emblematico la partita con l’Ascoli della scorsa stagione, quando un Padova già fuori dai playoff giocò in un Euganeo deserto, nonostante le presenze ufficiali parlassero di più di 6000 spettatori. leggi tutto…

William Jidayi racconta tutte le sue emozioni da neo ex al Gazzettino e Mattino

0
William Jidayi racconta tutte le sue emozioni da neo ex al Gazzettino e Mattino

Tre stagioni e mezzo ad alta intensità emotiva all’ombra del Santo e un addio in punta di piedi. Il romagnolo William Jidayi incrocia di nuovo il suo destino con quello del Padova a meno di tre mesi dal suo passaggio alla Juve Stabia e si racconta questa mattina sulle colonne di Gazzettino e Mattino:
“Dopo tre anni e mezzo è normale ci si affezioni a una piazza e a una città per cui il fatto di andare via non può non lasciare indifferenti. Ci sono affetti, si acquisiscono abitudini nella vita quotidiana, e sul piano sportivo ho provato emozioni e ottenuto risultati che inevitabilmente ti legano a quella squadra. Sono stato ben voluto, mi resterà tutto nel cuore e credo di avere lasciato anch’io un buon ricordo. Tutti sanno quant’ero affezionato a Padova, cui mi legano le emozioni più belle della carriera, ma nel calcio si cambia e io sono contento della scelta fatta.” leggi tutto…

Padova – Torino : Arrivati finalmente gli atti, entro venerdì partirà il controricorso

0
Padova – Torino : Arrivati finalmente gli atti, entro venerdì partirà il controricorso

Dopo otto giorni di attesa ieri il Padova ha finalmente ricevuto tutta la documentazione (motivazioni, perizie, esiti dei vari sopralluoghi e risultanze dell’indagine federale) correlata alla sentenza del giudice sportivo che ha decretato la vittoria a tavolino per 3-0 del Torino per il malfunzionamento dell’impianto di illuminazione dell’Euganeo. Entro venerdì prossimo l’avvocato Mattia Grassani, legale biancoscudato, potrà inoltrare alla Corte di Giustizia Federale il reclamo vero e proprio (l’avviso è già stato presentato) con le relative motivazioni e poi il Torino avrà a disposizione altri tre giorni per le controdeduzioni. L’organo di appello della giustizia sportiva si riunisce normalmente di venerdì e il verdetto dovrebbe arrivare non prima della metà di aprile. Il ricorso del Padova si baserà sia su elementi procedurali (gestione delle fasi successive alla sospensione della gara e ammissibilità del secondo ricorso del Torino) sia sostanziali quali le versioni opposte tra Enel e perito sull’alimentazione dell’impianto e l’assenza di responsabilità oggettiva in capo al Padova, dato che la sentenza attesta che a fine gara l’impianto ha funzionato per ore. leggi tutto…

Statistiche: il Padova 49 punti l’anno scorso li raggiunse il 22 aprile

0
Statistiche: il Padova 49 punti l’anno scorso li raggiunse il 22 aprile

Alcuni spunti curiosi riportati nell’edizione odierna del Gazzettino.
LA CLASSIFICA. Un anno fa, dopo 28 gare, il Padova poteva contare su 36 punti, tredici in meno rispetto a oggi e il dato potrebbe ulteriormente incrementare nelle prossime tre gare in cui la squadra, prima di iniziare la grande rincorsa con Dal Canto, ottenne un solo punto. Lo stesso dato, visto da altra angolazione, fa ancora più effetto: nel precedente torneo, per arrivare a quota 49, Italiano e colleghi hanno dovuto disputare 37 partite, nove in più di ora, e attendere il 22 aprile. leggi tutto…

Gazzettino: Biancoscudati soft con le ultime

0
Gazzettino: Biancoscudati soft con le ultime

I punti persi con le ultime della classe pesano sempre di più nella classifica del Padova. Questo il verdetto dei numeri che condannano il cammino al rallentatore con le formazioni sulla carta meno attrezzate e che spiegano il divario in questa fase piuttosto ampio con il treno promozione diretta. Uno spunto interessante per Alessandro Dal Canto, chiamato a trovare la ricetta mentale, in termini di motivazioni e concentrazione, e tecnico-tattica per scardinare i fortini innalzati dalle compagini impegnate nella lotta salvezza. leggi tutto…

Gazzettino e PadovaGoal esaltano un Dal Canto da record: come lui nessuno a Padova da due decenni

0
Gazzettino e PadovaGoal esaltano un Dal Canto da record: come lui nessuno a Padova da due decenni

Buona la prima, si usa dire. Buona la prima metà, aggiungiamo noi, dal momento che il Padova del girone di andata, oltre a mantenere il ritmo del treno promozione, ha battuto sè stesso, o quasi. I 38 punti ottenuti nelle 21 gare che hanno preceduto il giro di boa sono infatti il migliore bottino collezionato in serie B dall’undici biancoscudato nei cinque campionati disputati con la regola dei tre punti a vittoria. Il Padova di Dal Canto supera nettamente quello di Calori (29 punti l’anno scorso) e quello di Sabatini che nel torneo 2009-10 si trovava a quota 25. Inferiori anche le performance della squadra a fine anni Novanta sotto la guida di Materazzi e Pillon. leggi tutto…

Foschi:«L’arbitro ha scritto tutto, siamo dalla parte del giusto»

0
Foschi:«L’arbitro ha scritto tutto, siamo dalla parte del giusto»

Intervenuto telefonicamente a “Tutto il Padova minuto per minuto” su Radio Padova, il diesse Rino Foschi ha fatto il punto della situazione sulla vicenda Torino. «Pensando come si era comportata la squadra nel corso della gara e a quanto successo dopo – commenta – sono un po’ scocciato e amareggiato. Fino a quel momento la vittoria del Padova era netta e dopo l’ultima interruzione si poteva anche riprendere». leggi tutto…

Pippo Maniero, la bestia nera del Toro: «Difficile immaginare il copione del match»

0
Pippo Maniero, la bestia nera del Toro: «Difficile immaginare il copione del match»

Con lui in campo, senza nulla togliere all’attuale parco attaccanti del Padova, almeno una rete al Torino domani sarebbe assicurata. Pippo Maniero, ora allenatore dell’Abano in Eccellenza, nella sua lunga carriera ha segnato più volte alla compagine granata, tanto da acquisire a pieno titolo l’etichetta di bestia nera, anche se l’undici granata non è stato l’unica vittima del suo fiuto del gol.
«Di sicuro quattro o cinque volte – conferma l’ex attaccante – sono andato a segno con il Toro. Per ogni punta esistono una o due squadre con le quali – chissà perché – si è particolarmente ispirati. È solo una casualità ed è andata peggio all’Inter a cui ho realizzato sei o sette reti». leggi tutto…

Anche Gazzettino e Resport ci parlano di Raimondi e Mbakogu:

0
Anche Gazzettino e Resport ci parlano di Raimondi e Mbakogu:

IL GAZZETTINO:
Attenti a quei due. Il primo ha i capelli castano chiaro, l’altro, di origine nigeriana, li porta un po’ più lunghi con le treccine, naturalmente neri. Entrambi sono giovanissimi, giocano in attacco e militano nella Juve Stabia, ma il loro cartellino è di proprietà del Padova, squadra in cui sono cresciuti e che domani per la prima volta – partite infrasettimanali a Bresseo escluse – affronteranno da avversari.
Stiamo parlando di Andrea Raimondi e Jerry Mbakogu, giocatori che i tifosi biancoscudati meno affezionati non hanno ancora imparato a conoscere. La scorsa estate i due, sempre con la maglia della formazione campana, hanno festeggiato la promozione nel campionato cadetto, evento quasi epocale in quella piazza e nell’attuale stagione si stanno ritagliando uno spazio e una visibilità di tutto rispetto. leggi tutto…

Tutti in pullman, il problema è trovarli

0
Tutti in pullman, il problema è trovarli

In tanti vogliono seguire la squadra domenica a Torino, sperando di rivivere le emozioni, e soprattutto il lieto fine, di sabato scorso, ma non manca qualche difficoltà nell’organizzazione della trasferta, legata soprattutto alla scarsa disponibilità di pullman. Risolto questa tassello, una presenza da “serie A” all’Olimpico pare certa, come confermano i rappresentanti della tifoseria organizzata. leggi tutto…

Simonini, il doppio ex:”Il pari può andare bene a entrambe”

0
Simonini, il doppio ex:”Il pari può andare bene a entrambe”

È cresciuto nell’Atalanta, squadra con cui ha esordito in serie A, prendendosi il lusso di realizzare una doppietta a San Siro a spese dell’Inter. All’ombra del Santo, dove ancora risiede, ha vissuto un biennio d’oro che gli ha nuovamente aperto le porte della massima serie con il passaggio all’Udinese. Con simili presupposti, la domanda a Fulvio Simonini scatta spontanea. Per chi farà il tifo domani sera all’Euganeo?
«Tiferò per il Padova – risponde l’ex attaccante – perché qui vivo e perché ai biancoscudati i tre punti fanno più comodo. Ho comunque ricordi meravigliosi di entrambe le esperienze e resto legato a tutte e due le piazze».
Capitolo Atalanta: «Sono cresciuto calcisticamente proprio a Bergamo dove ho vissuto per nove anni di cui restano solo immagini e sensazioni positive». La più bella risale ormai a venticinque anni: 12 gennaio 1986 l’Inter di Zenga, Bergomi e Rummenigge si arrende per 3-1 in casa con l’Atalanta. Per Simonini due gol: «Il primo è stato di rapina; su un cross dalla destra, io e Ferri ci siamo buttati, Zenga ci ha anticipati, ma poi la palla ha fatto un rimbalzo e io l’ho messa in rete». Più bello il bis, ma nel pieno rispetto della “par condicio”: «Punizione dello svedese Stromberg, io ero sulla destra, ho stoppato, controllato la palla e calciato di sinistro all’incrocio dei pali. E quindici giorni prima avevo segnato anche al Milan». leggi tutto…

Zoom sul Grosseto. Soncin: “Spero di giocare e cancellare l’andata”

0
Zoom sul Grosseto. Soncin: “Spero di giocare e cancellare l’andata”

A gennaio è stato rivoluzionato in campo e fuori e nel girone di ritorno comanda la classifica parziale delle prime sette giornate. Quello che questa sera affronterà il Padova è un Grosseto completamente diverso negli uomini e nello spirito rispetto a quello largamente sconfitto nella gara di andata all’Euganeo. Addirittura dieci i volti nuovi, e tra questi i difensori Petras (Cesena), Rincon (Chievo) e Giallombardo (Ascoli), il centrocampista Crimi, l’esterno offensivo Defendi (Atalanta) e gli attaccanti Sforzini, Papa Waigo e Immobile, quest’ultimo a lungo nel mirino anche del Padova. leggi tutto…

PadovaCalcio
01/01/1970

twitter

Trattative Acquisti/Cessioni

Sostieni il Blog

Instagram

Pubblicita’

Tutti i gol dell’andata